via morosone 13, Vercelli

Ufo: acronimo di oggetto volante non identificato.

Il termine “disco volante” che viene utilizzato nel linguaggio comune come sinonimo di Ufo, nasce ufficialmente il 24 giugno 1947 e con esso si origina la moderna ufologia anche se, nel nostro passato remoto e prossimo, esistono molti riferimenti a cronache di oggetti che possono inserirsi a pieno titolo nella classificazione di oggetti volanti non identificati.

In quel pomeriggio dell’ormai lontano giugno del 1947, Kenneth Arnold un uomo d’affari americano, titolare di brevetto di guida civile per piccoli aeroplani non di linea, era partito dall’aeroporto di Chehalis, nello stato di Washington, a nord-ovest degli Stati Uniti, per collaborare alle ricerche di un aereo da trasporto C-46 dell’esercito che era partito un mese e mezzo prima con trentadue persone a bordo, senza fare più ritorno alla base.

Giunto nei pressi del monte Rainier l’uomo, che apparteneva all’associazione piloti da ricerca e salvataggio dell’Idaho, restò stupito nell’avvistare nove oggetti luminosi che si muovevano in formazione. 

Arnold calcolò che gli oggetti, del diametro di 30 metri, dovessero trovarsi a circa 900 piedi d’altezza (3000 metri circa) e viaggiare a circa 1000 miglia/ora (circa 1500 km/ora).

Il pilota non poté inseguire la strana formazione,che presto scomparve dalla sua vista.

Una volta atterrato al vicino aeroporto di Yakima, Arnold incontrò i rappresentanti della stampa locale che si trovavano in aeroporto per raccogliere notizie sull’aereo precipitato.

Fu così che il misterioso avvistamento di Kenneth Arnold trovò grande riscontro  sulla stampa americana.

Gli organi di stampa scrissero dell’ avvistamento di oggetti di forma discoidale in quanto Arnold aveva riferito di “piatti che saltellano sull’acqua”.

Successivamente il pilota disse pubblicamente che la sua descrizione era stata fraintesa: il riferimento ai “piatti che saltellano sull’acqua“ era infatti inerente al movimento e non alla forma degli oggetti, che invece presentavano un’accentuata forma ad ala.

La precisazione di Arnold non rappresentò comunque un cambio di versione rispetto a quella fornita nell’immediatezza dei fatti. Essa coincise con quella che fu raccolta ufficialmente dagli investigatori dell’Esercito. Testimonianza che rimase a lungo custodita negli archivi militari prima di essere declassificata e resa disponibile al pubblico.

Da notare che l’avvistamento aereo di Kenneth Arnold venne confermato da uno identico fatto da terra da parte di un altro testimone, tale Fred Johnson. Inoltre l’episodio venne inserito nei 701 casi classificati “inspiegati” dal Project Blue Book.

È recente la notizia secondo cui la Marina degli Stati Uniti d’America conferma alcuni fenomeni aerei non identificati – vedi l’articolo Corriere della Sera  –  e in rete esistono migliaia di siti, blog e forum dedicati all’affascinante argomento soprattutto in lingua inglese. In Italia non sono molti i siti attendibili dedicati all’ufologia. Vediamo i principali.

 

Ufo.it si definisce il primo e più grande sito di ufologia in Italia, è attivo dal 1995. Rinnovato di recente nella grafica che adesso appare più snella e contemporanea, il portale accoglie il visitatore con un messaggio chiaro e diretto:” Ti aiutiamo a capire UFO e Ufologia con un approccio serio, rigoroso e documentato. Non raccontiamo le solite storielle e non vogliamo convincerti di nulla.Offriamo solo informazioni verificabili e fatti. Forse apparentemente meno affascinanti di tanti leggende e luoghi comuni, ma conoscere la storia dell’ufologia e degli avvistamenti offrono emozioni e fascino a chiunque vuole comprendere e non semplicemente credere”.

Imperdibile, anche se layout e navigazione lasciano un po’ a desiderare e sono in stile web anni Novanta, è il sito del Centro Ufologico Nazionale www.centroufologiconazionale.net/ un vero e proprio archivio ricco di casi, statistiche e documenti.

Altro grande classico è il sito del Centro Ufologico Mediterraneo ricco di elementi multimediali e di notizie provenienti da ogni parte del mondo.

Molto interessante  ufoofinterest.org di taglio scettico che presenta casi famosi e meno posti rigorosamente sotto indagine. 

Una curiosità: l’Aeronautica militare italiana prende seriamente in considerazione il fenomeno Ufo tanto che, sul sito ufficiale, potete scaricare una scheda di avvistamento a questo link

Post Correlati